Verifiche periodiche e straordinarie per gli ascensori: consigli utili

La nuova normativa relativa alla sicurezza sugli ascensori prevede che ogni responsabile mantenga in esercizio l’impianto effettuando regolarmente la verifica periodica e chiedendo l’assistenza di un ente autorizzato. All’interno del vano ascensore ci deve essere l’indicazione dell’ente e, in caso di modifica nel corso del tempo, è necessario comunicare la sostituzione dell’ente al Comune.

ascensori manutenzioneAlla fine di ogni visita viene rilasciato il verbale e, se l’esito dovesse essere negativo, l’impianto dovrà essere chiuso e dichiarato non utilizzabile (informazione da riferire al Comune). Queste spese di verifica spettano al proprietario così come quelle di verifica straordinaria: le verifiche straordinarie si effettuano solo quando il verbale risulta negativo, quando è avvenuto un incidente grave (e il conseguente blocco dell’impianto) o quando l’impianto è stato fortemente rinnovato, con modifiche sostanziali di parti fondamentali come velocità, portata, corsa, sostituzione di una componente principale o modalità di azionamento.

Ciò che è importante capire è che gli interventi di manutenzione sull’impianto ascensore devono essere effettuati da personale competente: le verifiche periodiche vanno effettuate con rigore rispettando le cadenze tassative, come determinato dalla normativa, e prestando attenzione alla data di revisione dell’impianto. Tutti i proprietari e gli amministratori di un condominio sono sempre chiamati a ricordare l’importanza della sicurezza dell’impianto e il rispetto per tutti coloro che quotidianamente usano l’ascensore. Le persone non esperte, infatti, potrebbero non accorgersi di un eventuale stato di usura dell’impianto.

Per procedere alle verifiche, quindi, è importante trovare dei tecnici che abbiano i requisiti stabiliti dalla legge: rivolgersi a ditte specializzate permette di puntare molto sulla qualità per quanto riguarda i controlli sugli impianti.